Una donna mille volti

Una donna, mille volti

È difficile essere donna

devi essere forte come una colonna

non puoi distrarti, e devi essere sempre pronta

“Una gentildonna i problemi li affronta!”

Le umiliazioni non mancheranno

il tuo ruolo pochi uomini capiranno

spesso ti condanneranno

E alcuni ti pugnaleranno.

Essere donna non è facile

la tua anima sarà gracile

il tuo cuore griderà di dolore

la forza sarà il tuo salvatore.

Mille volti avrai

ma in pace sarai.

Copyright Nadia Arnice

Pubblicità

Il miscuglio

Il miscuglio

Un miscuglio di emozione

scoppia nel mio cuore con passione

vibra come una collisione

degno di una competizione.

Un miscuglio di devozione

alla mia mente crea destituzione

una sorta di imperfezione

fa questo la ragione.

Un miscuglio di ostentazione

rende stupenda questa ossessione

i sentimenti di presunzione

si contrappongono alla vocazione.

Copyright Nadia Arnice

René e i gatti di Richelieu di Cristiano Pedrini

Autore: Cristiano Pedrini
Genere: Narrativa
Formato cartaceo 14×21
Formato ebook: epub/mobi e pdf
Pagine 215
Pubblicato con Youcanprint
ISBN: Prossimamente
Prezzo di copertina:
Ebook € 2,99 Cartaceo: € 18,00

Sainte-Eulalie appariva come lo rivedeva nei suoi
pensieri, avvolto in quella lieve foschia che nascondeva
le sue dolci colline, come se la mano dell’Onnipotente
volesse celarne una parte, timoroso che l’uomo potesse
intaccarne la bellezza. Agli occhi di René quel mondo
era un piccolo capolavoro che sentiva come la sua vera
e sola casa.

René Fontaine ritorna al villaggio di Sainte-Eulalie per
iniziare una nuova vita accanto al suo amato Maxime.
L’annuncio del loro fidanzamento rende tutti gli abitanti
euforici, ma l’arrivo di Jacques Labordè, eminente
studioso dell’Università di Arles, convinto che il piccolo
bordo di Leman, da tempo ritenuto disabitato, celi un
tesoro riconducibile al cardinale Richelieu, costringe
Renè a cambiare i suoi programmi.
L’incontro con gli unici due abitanti di Leman, il vecchio
Jules e il nipotino Sebastien, è una sorpresa che rafforza
la convinzione di René ad opporsi ad ogni tentativo di
Leman di sfruttare gli esiti della sua ricerca per
stravolgere l’esistenza del borgo.
La presenza del piccolo Sebastien, con la sua carica di
vivacità, incuterà in René un desiderio capace di
bruciare molte tappe della vita che si immagina accanto
al compagno, ma sa di non essere solo, la presenza della
sua amata quercia, dove venne ritrovato, ancora in
fasce, dalle suore dell’abbazia di Saint-René d’Angers, e
le fugaci apparizioni del misterioso lupo che ha
chiamato Buck, e lo accompagna nel suo viaggio alla
scoperta dei misteri di Leman, lo aiuteranno a non
perdere di vista suoi valori e le sue convinzioni.

Estratto dal Capitolo Primo
René sfiorò con la mano la corteccia della sua quercia, un timido contatto per farle
sapere della propria presenza. Alzando lo sguardo, si ritrovò a contemplarne le fronde simili
a un’immensa corona, come se la quercia volesse ricordargli di essere la sola regina della sua
vita. E ora, davanti a lei aveva deciso di compiere quel passo così importante. Nei giorni
passati si era domandato più volte se non avesse corso troppo, se quella decisione non fosse
stata solo il frutto del suo affrettato desiderio di rafforzare tutto ciò che aveva voluto crearsi
a Sainte-Eulalie.
“Eccomi qui”, pensò, accarezzando il tronco del vecchio albero. “Sei felice che io ti
voglia accanto a me in questo giorno?”
La mano di Maxime si posò sulla sua, stringendogliela. I loro sguardi si incontrarono,
sancendo, con il semplice silenzio, di essere pronti. «Vogliamo andare? Tutti ci stanno
aspettando», gli sussurrò, baciandolo sulle labbra.
Sainte-Eulalie era sempre come lo rivedeva nei suoi pensieri, avvolto in quella lieve
foschia che nascondeva le sue dolci colline, come se la mano dell’Onnipotente volesse
celarne una parte per il timore che l’uomo potesse intaccarne la bellezza. Agli occhi di
René quel mondo era un piccolo capolavoro che sentiva come la sua vera e sola casa. Si
voltò a osservare Maxime che, alla guida della sua vecchia Land Rover, proseguiva lungo la
strada che portava al borgo di Saint Jeanne. Erano trascorsi due mesi dalla sua ultima
visita e il ragazzo non vedeva l’ora di ritornarci. Tutto era accaduto così velocemente che
ancora si chiedeva se non avesse dimenticato qualcosa.
«Di solito sei meno silenzioso», osservò Maxime girandosi verso il ragazzo e
incontrandone il sorriso imbarazzato. «Il viaggio non è andato bene?»
«Oh no, tutto perfetto, è solo che pensavo alla nostra festa. Sei sicuro di volerla? Io
non…»
Maxime scosse il capo, tornando a fissare la strada. «Ammetto che non avrei mai
pensato a qualcosa del genere. Per la verità, non riuscivo neppure a immaginarmi accanto
a una persona come te. Ogni tanto una vocina cerca di dissuadermi dal credere che tutto
questo sia reale.»
«Per favore, ferma la macchina!»
La reazione di René sorprese Maxime, che rallentò il fuoristrada fino a fermarsi sul
ciglio della strada. Spense il motore e battendo le dita sul volante assentì. «Bene, e ora?»
René si sporse verso di lui e allungò la mano per voltargli il viso. «So che restarmi
vicino non è sempre facile. Quante volte, spesso al telefono, perché ero lontano, ti ho
chiesto se ti andasse bene tutto questo. Mi hai sempre spinto a proseguire nella mia
professione, e all’inizio mi andava bene, perché potevamo raccogliere somme sufficienti
per restaurare Saint Jeanne, ma ora non c’è più questa necessità.»
«Ti costringo a fare veri e propri tour de force. Ogni volta che hai qualche giorno
libero ti precipiti qui, come se avessi paura che restare lontano ti renda diverso ai miei
occhi o a quelli degli altri abitanti del villaggio. Te lo dirò un’altra volta…» Maxime fece
una lunga pausa, posando l’indice sulla fronte del ragazzo. «Hai reso tutti noi felici, ci hai
dato un futuro che possiamo toccare con mano, ti sei innamorato di uno che passava gran
parte del suo tempo da solo a scolpire in una casa in mezzo ai boschi e lo hai reso l’uomo
più felice del mondo. Ora perché non lasci che un po’ di questa felicità che hai trasmesso
agli altri ti avvolga e ti faccia sentire davvero accettato?»
René deglutì a fatica. Quante volte in quell’ultimo anno aveva cercato di ammettere a
sé stesso che non voleva indurre Maxime a vivere in un mondo che sapeva non
appartenergli. La vita di uno dei modelli più famosi e richiesti di Francia, con tutto quello
che ne conseguiva, era qualcosa che voleva risparmiargli. Ma ora quel passo, a lungo
ponderato, poteva cambiare le cose.
«Sei sempre convinto di voler annunciare il nostro fidanzamento?», chiese al giovane
intagliatore. Una domanda che ottenne in risposta un bacio sulle labbra. Maxime accarezzò
il volto di René, sentendosi trasportato dall’inesauribile magia scatenata da quegli occhi
gentili, vero specchio della sua anima. Uno specchio che non esitava a mostrarsi sempre
limpido quando si trattava del loro rapporto.
«Voglio che tutti vedano quanto siamo felici, e immagino anche che molti mi
invidieranno. Ebbene, non posso dargli torto!», rise Maxime, rimettendo in moto il
fuoristrada.
«Se non ti conoscessi bene…», osservò perplesso René. «Ho come l’impressione di
essere un trofeo da esibire. O mi sbaglio?»
Maxime allungò il braccio, trascinando il ragazzo contro di sé. «Ecco, vedi, ci vuole
davvero poco per far venire alla luce le tue splendide contraddizioni: un momento prima
fai il timido e l’impacciato, cosa che peraltro mi sorprende visto il lavoro che fai, e poi
arricci il naso e fai il sostenuto.»
René non volle replicare. Si sentiva semplicemente bene, stretto al braccio di
Maxime. Il profumo dei suoi abiti e della sua pelle lo accompagnava verso quella parte di
mondo nella quale poteva sentirsi davvero libero, senza preoccuparsi che ogni sua parola
e ogni suo gesto potessero generare commenti o pettegolezzi

Sconosciuta

Sconosciuta

Arriva una donna, chi sarà?

Tutti gli uomini si girano ad ammirarla,

è la reincarnazione dell’Amore, sarà un’assurdità?

Ogni uomo vorrebbe averla,

ma solo io la desidero, sarà un’ignobiltà?

Oh Dio, tutti gli occhi puntano su di lei,

quegli uomini non la potranno mai apprezzare.

È piena di umiltà e bontà costei,

solo io la potrei amare.

Non conta solo la sua bellezza,

il suo portamento è una delicatezza.

Nella profondità della mia mente,

il mio pensiero è sconvolgente.

(Poesia ispirata Chi è questa che vèn, ch’ogn’om la mira di Guido Cavalcanti)

Copyright Nadia Arnice

L’amore è desiderio

L’amore è desiderio

L’amore viene dal cuore,

nasce brillante e focoso il piacere,

sono gli occhi a concepire

l’affetto per te che desidero nutrire.

Solo un uomo posso essere,

e con una grande ambizione:

vorrei poterti avere.

La mia ammirazione nasce dal vedere,

nel tuo sguardo,

la tua anima fluttuare.

Con la mia vista posso contemplare,

i tuoi sogni auspicare,

sia la positività sia la negatività

accarezzare.

Il mio cuore desideroso di accogliere,

i tuoi sentimenti,

senza contrariare,

il tuo soffio vitale,

da amare.

(Poesia ispirata A amore è un(o) desio

 di Giacomo Da Lentini)

Copyright Nadia Arnice

Halloween

Halloween

Dolcetto o scherzetto?

È un tradizionale sonetto.

I bambini lo dicono con un sorrisetto,

quando aspettano nel vialetto.

I piccini con il loro cestino,

desiderano ricevere un cioccolatino.

Zombi, vampiri e fantasmi fanno capolino,

camminano pian pianino.

Halloween è una festa mostruosa:

è una risata chiassosa,

è una gioia dispettosa,

è una paura festosa.

Copyright Nadia Arnice

Fiabelle di Francesco Grano (Youcanprint)

Nello fu molto contento di quella esperienza, imparò ad avere rispetto per tutte le cose della natura, anche le più piccole […]

Pagine 50-51

Raccolta di 12 fiabe originali destinati ai bambini sin dai primi anni di età. Il libro, ricco di illustrazioni vuole attirare l’attenzione dei piccoli lettori coinvolgendoli in storie semplici e fantasiose, che spesso hanno come protagonisti comuni animali domestici. I bambini sono facilitati ad immaginare un dialogo con loro, a stimolare la fantasia introducendoli nel mondo dei grandi, affrontando con naturalezza e leggerezza argomenti di vita ordinaria di tutti i giorni. Età di lettura: da 3 anni

Presentazione

A tutti i genitori credo che i figli, nell’età della prima infanzia, ed anche oltre, chiedano di raccontare loro delle storie quando la sera vanno a letto. Ho tre figli e ne so qualcosa. Quante volte ho dovuto inventare favole di sana pianta all’ultimo momento, prendendo spunto da qualunque avvenimento, perché i miei pargoli volevano sentire sempre nuove fiabe! Senonché, quando i figli sono cresciuti e sono diventati genitori a loro volta, mi sono ricordato delle mie difficoltà passate e, per agevolarli, ho pensato di scrivere una manciata di storie originali ed attuali da leggere ai bambini.

Il libro comprende una raccolta di 12 fiabe originali destinati ai bambini sin dai primi anni di età, ricco di illustrazioni professionali. Esso vuole attirare l’attenzione dei piccoli lettori coinvolgendoli in storie semplici e fantasiose, che spesso hanno come protagonisti comuni animali domestici quali agnellini, lupetti, topi innamorati, tartarughe, merli, gazze, oche ecc.

I bambini sono invogliati ad immaginare un dialogo con loro, facilitati a stimolare la fantasia introducendoli nel mondo dei grandi, affrontando con naturalezza e leggerezza argomenti di vita ordinaria di tutti i giorni, ma anche temi più complicati come quello sull’adozione o sull’immigrazione.

RECENSIONE

Oggi voglio parlarvi del libro per bambini “Fiabelle” di Francesco Grano. Dodici racconti stupendi e profondi per bambini; storie magiche e fantasiose.

La principessa sulla luna è la storia di una figlia di una sovrana che cercava qualcosa di prezioso: la felicità.

Il lupetto, Nicolino e l’agnellino è un racconto corto ma profondo con un finale stupendo. Bellissima la morale che in questo periodo è molto importante: la pace.

Il topino Ciccio innamorato è una fiaba di amore puro tra topini!

Il merlo e la tartaruga è la storiella di Lenta che girava da giardino a orto a mangiare verdure e frutta …

Il re cattivo e il rubinetto dell’aria è la favola di un imperatore crudele che voleva tassare anche l’aria che i sudditi respiravano. Ma come tutti sanno i tiranni vengono sempre sconfitti!

La nuvola birbacciona è una vicenda di una nuvola capricciosa che faceva tanti dispetti ai bambini finché il sole ebbe la meglio.

L’anatroccolo biondo è la novella di una piccola anatra diversa, nonostante ciò i genitori lo amano incondizionatamente.

Viaggio nel vaso è la storia di Nello, un bambino che in conclusione capisce il vero senso del rispetto per la natura.

Amiche per la pelle è un racconto che tratta argomenti importanti: la vanità, le dicerie, l’invidia e l’ipocondria, ma soprattutto parla di amicizia.

Laura e l’aereo parlante è una fiaba di grande fantasia e immaginazione.

La lanterna magica è la storiella di grande speranza; i bambini sono portatori di pace durante tutti i conflitti armati.

È arrivato Alexander è la favola moderna di emigrazione e collaborazione tra bambini. Un tema molto attuale in tutte le scuole europee.

Tutte le fiabe raccolte in questo libro sono stupende, Francesco Grano riesce a trasmettere ai piccoli lettori temi importanti come l’amicizia, la pace e l’amore. Questi argomenti non sono facili da far apprendere ai bambini, soprattutto a quelli più piccoli, ma l’autore ha una dote innata, riesce a trasmettere emozioni forti con i suoi brevi racconti.

Poi voglio soffermarmi sulle illustrazioni: sono meravigliose! Ho letto e visto moltissimi libri per bambini, ma delle iconografie così belle, colorate e dettagliate sono davvero rare.

Complimenti all’autore e all’illustratore per questo gioiellino letterario!

PUNTEGGIO 5/5

FRANCESCO GRANO

è nato nel 1948, dirigente di banca in pensione.

Blog: francescograno.wordpress.com oppure: racconti.co Sito web: http://www.artielettereitaliane.it

Co-Amministratore del sito Facebook “Gruppo Pianeta Books” – gruppo letterario

Opere pubblicate:

– 2018 su Amazon una raccolta di racconti storici dal titolo “Racconti di donne, tarocchi e briganti” che ha riscosso quattro premi letterari (Firenze Città di Murex primo premio, Roma premio Martinelli, Genazzano Montefiore 2° premio, Viareggio selezione premio Giovane Holden);

– 2019 tramite Youcanprint romanzo giallo dal titolo “La confraternita delle beate vergini – delitto in pineta”

-2021 tramite Youcanprint “Giuditta – una ragazza casual” – romanzo rosa fantasy

-2021 tramite Youcanprint “Fiabelle” – libro di fiabe illustrate per bambini da 3 anni in su (una delle fiabe è stata premiata al concorso La Botteguccia delle favole – Lucca).

-2022 tramite Amazon “Racconti come ciliegie”, raccolta di racconti, poesie, biografie e varie.

-2022 “Luce sinistra in hospice” thriller edito da Giovane Holden Edizioni – Viareggio

Dettagli prodotto
ASIN ‏ : ‎ B08WP1Y9QD
Editore ‏ : ‎ Youcanprint (12 febbraio 2021)
Lingua ‏ : ‎ Italiano
Copertina flessibile ‏ : ‎ 76 pagine
ISBN-13 ‏ : ‎ 979-1220322256
Peso articolo ‏ : ‎ 213 g
Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: n. 863,479 in Libri (Visualizza i Top 100 nella categoria Libri)n. 6,755 in Animali domestici (Libri)
n. 265,618 in Libri per bambini (Libri)

Il mendicante

Il mendicante

Fai una vita di miseria,

dettata sia dai tuoi errori sia dalla società.

Il tuo volto è rugoso e grinzoso,

segnato da un’esistenza dura e faticosa.

Cammini incerto nelle strade di grandi città,

le persone ti passano accanto,

senza notarti.

Sei invisibile agli occhi degli altri,

sei abbandonato dalla collettività.

Sei impaurito,

stanco e stremato,

giudicato per il tuo tanfo e il tuo modo di essere.

Frughi nell’immondizia per un tozzo di pane,

per sopravvivere usi gli scarti e scorie abbandonate.

Dormi nelle stazioni,

cerchi calore nelle fogne,

il tuo letto è un lercio scatolone.

Ti addormenti,

sognando un miracolo:

domani,

forse,

qualcosa cambierà.

Copyright Nadia Arnice

Buffet d’amore – racconti stuzzicanti per il cuore di Linda Fantoni (Youcanprint)

Autore:

Linda Fantoni

Titolo:

Buffet d’amore – racconti stuzzicanti per il cuore

Casa editrice:

Youcanprint

Data di uscita:

18 ottobre 2022

Genere:

Racconti rosa

Trama:

Buffet d’amore è una raccolta di undici racconti che, proprio come una tavola imbandita per un rinfresco, vi metterà davanti alla possibilità di assaporare l’amore nei suoi diversi gusti (dolce, piccante, delicato, intenso, amaro, aspro) e di scegliere la porzione in base al vostro appetito (racconti brevissimi, brevi, medi, lunghi e una novella).

L’antologia riunisce nove opere scritte tra il 2015 e il 2020 e pubblicate su varie piattaforme per autori emergenti, alle quali si aggiungono due storie inedite.

Breve biografia autrice:

Linda Fantoni, bresciana, quarantaquattro anni, di professione è controller in un’azienda metalmeccanica. Approccia la scrittura, per passione, con una serie di racconti brevi ispirati agli incontri che cambiano la vita, Incontri, pubblicata con Youcanprint nel 2014. In seguito, sempre con Youcanprint, ha pubblicato i romanzi Il calderone dei desideri (2018) e L’uomo perfetto (2019).

Fiabelle di Francesco Grano

Raccolta di 12 fiabe originali destinati ai bambini sin dai primi anni di età. Il libro, ricco di illustrazioni vuole attirare l’attenzione dei piccoli lettori coinvolgendoli in storie semplici e fantasiose, che spesso hanno come protagonisti comuni animali domestici. I bambini sono facilitati ad immaginare un dialogo con loro, a stimolare la fantasia introducendoli nel mondo dei grandi, affrontando con naturalezza e leggerezza argomenti di vita ordinaria di tutti i giorni. Età di lettura: da 3 anni.

Autunno

Autunno

Cadono le prime foglie

un senso di silenzio mi accoglie,

le piante cominciano a essere spoglie

un sentimento di smarrimento mi coglie.

Una strana tristezza entra nel mio cuore

forse mi sento priva d’amore,

un boato esplode con orrore

nella mia anima piena di rancore.

Autunno, sarai bellissimo nel colore

audace e pieno di folclore,

per i poeti sei ispiratore

tuttavia per me sei lapidatore.

Copyright Nadia Arnice

Autunno

Autunno

Anche quest’anno sei arrivato,

il campo hai bagnato

il mio umore hai cambiato.

Tanti colori nuovi hai portato

Il bosco hai personalizzato

Il mio sguardo hai meravigliato.

Funghi, castagne e zucche hai donato

Un carico di cibo hai regalato

Il mio stupore hai sfamato.

Copyright Nadia Arnice

The First Boy di Cristiano Pedrini (Youcanprint)

http://www.facebook.com/cristianopedrini.it
http://www.instagram.com/cristianopedrini_autore


Autore: Cristiano Pedrini
Genere: Narrativa
Formato cartaceo 14×21
Formato ebook: epub/mobi e pdf
Pagine 318
Pubblicato con Youcanprint
ISBN: prossimamente
Prezzo di copertina:
Ebook € 2,99 Cartaceo: € prossimamente


La vita di Christopher a Washington, accanto al
Presidente degli Stati Uniti prosegue tra impegni e
viaggi di Stato. Ma agli occhi del giovane First Boy vi
sono molte sfide che si intravedono all’orizzonte. La
prima è la ricandidatura alla presidenza di Lawrence.
La campagna elettorale sarà difficile, molti si
sentiranno in dovere di mettere in discussione il loro
rapporto, di porre l’attenzione sull’influenza che il
ragazzo sembra esercitare su Lawrence, tanto da
costringere Christopher a fargli promettere di non
perdere tempo a commentare voci e illazioni che
presto o tardi giungeranno. La scelta del nuovo Vice
Presidente, una crisi umanitaria dall’altro capo del
pianeta e i mille risvolti della campagna elettorale
metteranno a dura prova l’amore che li lega. Ma
ancora una volta, Lawrence comprenderà che quanto
di più prezioso possiede non è l’immenso potere che
rappresenta la sua carica, ma la presenza di quel
ragazzo e per lui è pronto a rinunciare a tutto.
La cosa migliore riguardo al futuro
è che arriva solo un giorno alla volta
Abraham Lincoln


Estratto dal Capitolo Primo
«Okay, ammetto che i film di Spielberg sono davvero ben fatti, ma io ho altri gusti»,
commentò Elisabeth affiancando Christopher, osservandosi attorno, assicurandosi che gli altri
agenti della scorta fossero ai loro posti, precedendoli come i protocolli imponevano.
«Quindi non accetti il mio invito alla mia maratona di Jurassic Park?» sospirò il ragazzo
posando la mano sulla tracolla dello zainetto che portava a spalla.
«Passare una intera serata a fissare lucertole troppo cresciute? No grazie, perché non
chiedi al Presidente di farti compagnia?»
«Ha già visto tre volte tutti i film…»
«Tre volte? Anche un santo avrebbe da ridire su questa tua ossessione.»
Christopher si fermò di colpo, costringendo la donna a fare altrettanto. Osservò il sorrisetto
malizioso comparso sul volto scarno del ragazzo, inducendola a puntare l’indice contro il suo
petto. «Non provarci!»
«Perché no? Potrei sempre chiedere la tua presenza per questioni di sicurezza!»
«Scusa, ma da cosa dovrei proteggerti? Da un Velociraptor che potrebbe sbucare dallo
schermo tv e fare un solo boccone di questo visino?» gli chiese strizzandogli la guancia.
«Potrebbe accadere», replicò Christopher riprendendo il suo cammino, lungo il grande
atrio dell’aeroporto.
«Sai, dopo essermi sorbita per tutto il volo i tuoi aneddoti su quei film vorrei evitarmi
altre torture del genere.» L’agente della scorta lo oltrepassò, anticipandolo e uscendo
all’esterno, fermandosi dinnanzi a una delle limousine presidenziali. Aprì lo sportello
posteriore annuendogli. «Quindi mi vedo costretta a rinunciare al tuo invito.»
Christopher sospirò profondamente immaginandosi di dover passare la serata solo soletto
con la sua collezione di dvd. Si guardò attorno prima di salire in auto quando notò una donna
anziana che a pochi metri frugava convulsamente nella sua borsetta di lana, alternando lo
sguardo al trolley posato davanti ai suoi piedi.
Lentamente gli si avvicinò, incurante dei richiami di Elisabeth, fermandosi accanto a lei,
accorgendosi solo in quel momento che era di bassa statura, forse arrivava al metro e mezzo,
nonostante le scarpe con il tacco che indossava.
«C’è qualcosa che non va?» gli chiese.
«Oh, che intuito. E poi dicono che i ragazzi di oggi non sono svegli», annuì la donna
richiudendo la borsa. «Credevo di avere ancora qualche dollaro per un taxi ma evidentemente
mi sbagliavo. Per la verità non trovo neppure più il portamonete, forse devo averlo chiuso
nella valigia.»
«Ah, capisco», osservò Christopher cingendo le mani dietro la schiena. «E perché avrebbe
dovuto lasciarlo là dentro?»
«Perché negli aeroporti ci sono molti furti. Quindi prima della partenza l’ho messo al
sicuro.»
«Beh, allora ora può aprirla e prenderlo», replicò il ragazzo indicandola.
«Lo farei volentieri ma ho dimenticato la combinazione. Alla mia età è già tanto che mi
ricordi dove abito.» Quella risposta ironica venne accompagnata dal lento movimento delle
piccole mani della donna che si tolse gli occhiali tondi, con una vistosa montatura viola,
ripulendole con il fazzoletto.
«E si ricorda dove vive spero…»
«Credo di sì, a George Town, o almeno credo.»
Christopher sollevò il trolley indicando la limousine, sfidando l’espressione perplessa di
Elisabeth. «Bene, allora le posso dare un passaggio.»
«Con quella?» domandò la donna senza mostrarsi sorpresa. «Chissà quanti litri di benzina
consuma quel mostro ogni chilometro.»
«Molti, ma purtroppo non mi permettono di farne a meno.»
«Certo, non sarebbe molto pratico per il First Boy andare in giro a piedi.»
Il giovane posò il trolley all’interno dell’abitacolo della vettura, invitando la sua ospite ad
accomodarsi, offerta che accolse sedendosi sul grande sedile di pelle.
«Ci hai trasformato in un taxi? Oltre ad aver infranto non so quanti regolamenti di
sicurezza», sussurrò Elisabeth a denti stretti.
«Ma tu non farai la spia, vero?» si sentì replicare, fissando quello sguardo da innocentino
che Christopher sapeva sfoggiare con abile maestria.
«Sali, prima che ti prenda sulle ginocchia e ti sculacci per bene.» Quella battuta si infranse
sul volto smarrito del ragazzo. «Che cosa c’è ora?»
«Chi ti ha detto che mi piace lo spanking? Voglio dire, dovrebbe saperlo solo Lawrence
e…»
A Elisabeth bastò una frazione di secondo per accorgersi che la stava prendendo in giro.
Sollevò lo sguardo al cielo prima di battere la mano sul tetto della vettura. «Se non sali ci sarà
qualcos’altro di rosso oltre ai tuoi capelli.»
«Ti riferisci forse a…»
«Esatto, al tuo sederino e non mi importa se la consideri una minaccia perché lo è!»
Christopher annuì, trattenendo a stento un sorriso. Si accomodò accanto alla donna e attese
che lo sportello si chiudesse. Vide il suo capo della scorta sedersi accanto all’autista e pochi
attimi dopo l’auto si mise in moto allontanandosi dal terminal.
Il ragazzo allungò la mano verso il suo ospite. «Beh, visto che lei già mi conosce, molto piacere
signora…»
«Mi chiamo Catherine e sono davvero lieta di conoscerti», rispose stringendogliela. «Lo so,
avrai pensato, visto il mio tono e le mie battute, che non mi facesse piacere accettare il tuo
invito, ma in realtà ho dovuto trattenermi perché avrei dovuto abbracciarti. Assomigli molto a
uno dei miei nipoti. Lavora in uno studio legale qui a Washington.»
«Davvero? E perché non è venuto a prenderla all’aeroporto?»
Catherine osservò distrattamente il finestrino, scrutando il panorama. «Non volevo
disturbarlo, è sempre molto impegnato.»
«E come si chiama?»
«Devon, ha ventisette anni, e ogni domenica viene a pranzo da me per gustarsi il mio
insuperabile polpettone.»
«Adoro il polpettone. Oltre a essere una brava cuoca cosa fa di bello?»
La donna si rivolse verso Christopher fissandolo divertita. «Se quello era un autoinvito, sei il
benvenuto. Mi ero fatta l’idea che tu fossi un ragazzino molto curioso, non mi ero affatto
sbagliata.»
«Beh, a parte essere apostrofato come ragazzino, in realtà ha ragione. Sa come dicono, la
curiosità è la porta della conoscenza.»
«Sono una vecchia insegnante in pensione, ho una casetta in cui vivo da oltre trent’anni,
frequento un club della lettura e dirigo un rifugio per animali bisognosi.»
«Un rifugio? E cosa ospita?»
«Gatti, per la maggior parte sono abbandonati, insieme ad alcune amiche ho creato uno
spazio per loro nel retro del mio cortile. Ne abbiamo una trentina.»
«È molto lodevole da parte sua. Sa, io non ho mai avuto un gatto.»
«Alla Casa Bianca non avete animali?»
«Per la verità no, io e Lawrence non ci abbiamo mai pensato.»
Catherine incrociò le dita delle mani, osservandosele. «Potreste adottare uno dei miei
trovatelli. Sarebbe un gesto molto gentile e magari lanciare un messaggio per invitare molte
altre persone a fare lo stesso. Potreste visitare il mio rifugio, farvi accompagnare da qualche
deputato o Senatore amante degli animali e con giornalisti al seguito e…»
Christopher si voltò sollevando le mani in segno di resa. «Scusi, ma lei non è una stratega
politica in incognito? Dovrebbero assumerla al Congresso!»
«Entrare in quel covo di fannulloni? No grazie…»

Uva

Uva

Ogni giorno passo accanto

a un vigneto, che incanto!

I suoi grappoli sono maturi

ammiro i suoi acini scuri.

La vendemmia è cominciata

gli uomini cantano una serenata.

Nell’aria c’è un profumo fruttato

sulle mie labbra un sorriso velato.

Il suo nettare ha un colore fatato,

il dolce succo è ricavato.

Da un piccolo chicco d’uva è nato il vino.

Copyright Nadia Arnice

Foglie Secche

Foglie Secche

Autunno, sei arrivato

sono cadute le foglie secche sul lastricato

gli alberi sono spogli

un vento leggero accogli. 

Autunno, con immenso coraggio

ti prepari al passaggio

di un freddo inverno

duro come un inferno.

Autunno, sono i tuoi colori

a essermi accompagnatori

in queste giornate dannate:

salvami dalle mie paure tormentate.

Copyright Nadia Arnice