La fine della coscienza? di Gianluca Ciuffardi e Tommaso Perissi (Golem Edizioni)

Trama
Gli autori approfondiscono alcune tematiche
relative ai fenomeni paranormali con rigore
scientifico, per indagare come funziona la
coscienza umana in circostanze particolari.
Senza escludere del tutto la possibilità che
certi fenomeni strani (esperienze di
premorte, percezioni extrasensoriali, etc.)
esistano, pur riconducendoli a un discorso
più ampio sull’evoluzione della coscienza, a
partire dagli studi sulla mente bicamerale di
Jaynes.
Analizzando con sguardo critico i più recenti
progressi nel campo delle neuroscienze e
dell’intelligenza artificiale, i due autori
ipotizzano che la coscienza sia un fenomeno
relativamente recente dal punto di vista
evolutivo, che l’eccesso di automazione del
mondo moderno sta mettendo in crisi,
inibendo processi mentali vecchi di millenni.
Tanto da essere diventata un intralcio in
molte situazioni della vita quotidiana e
lavorativa.
Una crisi che potrebbe sfociare in una
modalità di pensiero robotico, che si limita
all’esecuzione di istruzioni impersonali come se
fosse un algoritmo, in maniera simile a quanto
accadeva più di duemila anni fa, quando le voci
immortali degli dèi ispiravano le gesta degli eroi
omerici. Si avverte quindi la necessità di
ritornare a un nuovo Umanesimo, affinché la
bellezza e la meraviglia suscitate da ciò che
ancora non conosciamo possa guidarci alla
scoperta di noi stessi e dell’Universo del quale
facciamo parte.


Autori
Gianluca Ciuffardi è uno psicologo, nella sua
attività professionale si è occupato del costrutto
scientifico d’intelligenza, della qualità di vita in
oncologia, dei processi di socializzazione,
dell’approccio centrato sulla soluzione, della
percezione del tempo, di psicologia scolastica,
del trattamento delle dipendenze e del pensiero
narrativo.
Tommaso Perissi è laureato in psicologia
generale e sperimentale, ha compiuto studi e
ricerche sulla percezione del tempo,
collaborando alla stesura di un manuale per il
superamento dell’esame di Stato per psicologi.
Ha pubblicato un libro di narrativa e alcuni
racconti.

Pubblicità

Colline rosso sangue di Mauro Rivetti

Trama
Il nuovo giallo di Mauro Rivetti ha i toni di
una tragedia shakespeariana al nebbiolo, una
vicenda familiare che prende le mosse nel
1967 quando una giovane madre, Agata, fugge
dall’ospedale disperata con il bambino
appena nato.
Quel bambino, anni dopo, sarà un importante
imprenditore vinicolo, e lei ricca e agiata. Ma
nubi nere incombono, morti misteriose si
susseguono, Agata stessa viene rapita e con
lei trafugata una statua.
Alfio, abbandonato dalla moglie, precipita
nell’incubo più nero, il sangue sembra
scorrergli a fianco. Teresa Bianco, pubblico
ministero, scopre che l’orrore arriva dal
passato, da quella lontana fuga di Agata
dall’ospedale di Cuneo. Ma occorre fare in
fretta, perché la morte continua mandare
segnali, e Alfio stesso potrebbe essere la
prossima vittima, mentre il peso di una colpa
antica e devastante si abbatte sulla famiglia.


Autore
è nato a Cuneo nel 1971. Da alcuni anni vive ad
Alba. Il suo amore spassionato per questa città e
per tutto il comprensorio di Langa e Roero, oggi
noto al mondo grazie al patrocinio UNESCO,
unito alla passione per la letteratura gialla,
hanno ispirato Mauro a raccontare questi luoghi
carichi di storia, e celebri per i blasonati
prodotti enogastronomici tra i quali spicca il
tartufo, in chiave di avvincenti noir, con l’intento
di incuriosire il lettore e condurlo alla scoperta
dei luoghi narrati, con i segreti in esso celati. Il
suo primo giallo “Alba di un delitto”, distribuito a
livello locale, ha destato molto interesse da parte
degli appassionati del genere. Il secondo suo
libro Tartufi e delitti (Golem Edizioni, 2020) lo
ha consacrato come autore di culto.


Casa Editrice
Golem Edizioni è una casa editrice di Torino.
Fondata nel 2016 da Giancarlo Caselli, grazie alla
sua dedizione e passione, raggruppa autori,
autrici e libri di vari generi, con predilezione per
i saggi, i thriller e i gialli. I libri del catalogo sono
presenti in tutte le librerie e negli store online.

Ayahuasca di Fulvio Rombo (Golem Edizioni)

Trama
Pietro Genovese è un antropologo sanremese
dalla mente geniale e altrettanto instabile. Un
lunedì mattina, nello studio professionale di
cui è titolare e che condivide con lo
psichiatra Luca Binotto scopre una donna
legata, imbavagliata e senza vita. Sconvolto,
si mette alla ricerca dello psichiatra che
sembra irreperibile e quindi si rivolge alla
polizia.
Le indagini vengono condotte dalla squadra
del commissario Nina Magellano. Nina è una
vecchia conoscenza di Pietro. Con lei, Pietro
condivide una profonda complicità e un
rapporto intenso, difficile da decifrare.
Pietro, già consulente della polizia in altre
occasioni, si unisce a Nina nel lavoro
investigativo, ma si avvale anche dell’aiuto del
cosiddetto A-TEAM, lo sgangherato gruppo
degli amici di una vita.
La vicenda procede tra rocamboleschi colpi
di scena fino ad un finale tutto da scoprire.
La storia è ambientata in una Sanremo
inedita e affascinante, lontana dall’immagine
patinata e festivaliera con la quale spesso
viene rappresentata.
Autore
è nato a Sanremo (IM) nel 1972 dove esercita la
professione di psicoterapeuta.
Nel 2017 ha vinto il “Premio Giallo Barga”
all’interno del Premio Letterario “Garfagnana in
Giallo”, con La terrazza, per il miglior racconto
con ambientazione libera.
Nel 2018 ha pubblicato Era meglio orfani
(L’Erudita). Nel 2020 e 2021 è stato finalista
al premio letterario “Garfagnana in Giallo” per il
miglior romanzo inedito. Ayahuasca è stato
finalista nel 2021.
Casa Editrice
Golem Edizioni è una casa editrice di Torino.
Fondata nel 2016 da Giancarlo Caselli, grazie alla
sua dedizione e passione, raggruppa autori,
autrici e libri di vari generi, con predilezione per
i saggi, i thriller e i gialli. I libri del catalogo sono
presenti in tutte le librerie e negli store online.

La donna con la pistola di Bruno Vallepiano (Golem Edizioni)

Trama
Mauro Bignami sta attraversando a piedi la
piazza deserta di Gariola, il piccolo villaggio
di montagna dove risiede e la sua attenzione
viene richiamata da un’anziana signora,
seduta alla fermata della corriera, che lo
apostrofa in modo bizzarro e gli chiede
un’informazione.
La piazza è vuota, Bignami si avvicina e la
donna, con sguardo allucinato, gli mostra un
grosso revolver confidandogli di aver ucciso
“Tarcisio”. Mauro Bignami, scosso da questo
strampalato incontro, si allontana intimorito.
Ma la sua curiosità è grande, e commenta
l’accaduto con l’amico Paolo. Quindi, nel
tentativo di comprendere chi sia costei e che
cosa sia realmente accaduto, tornano
insieme sul luogo del bizzarro incontro, ma la
fermata del bus è vuota e di lei non vi è più
traccia, quasi fosse stata una visione.
Poco tempo dopo, però, la donna viene
trovata morta, proprio alla fermata della
corriera, apparentemente suicida.
Alcuni particolari, tuttavia, convincono
Bignami che si tratti di omicidio e questo
scatena il suo spirito indagatore.
Si imbatte così in una vecchia vicenda di
malagiustizia, che fa riemergere dal passato
sordidi fatti e squallidi personaggi senza alcuna
morale.


Autore
Nato a Roburent nel 1956, in questo paese della
montagna cuneese risiede tutt’oggi, occupandosi
di attività turistiche e di letteratura e dove ha
ricoperto dal 2004 al 2016 la carica di sindaco.
È stato presidente del CFP Cebano Monregalese,
è stato presidente di “Cuneo Neve” ed è stato
nominato Cavaliere al Merito della Repubblica
Italiana dal Presidente Mattarella. Ha iniziato
negli anni Ottanta la sua attività di scrittore e ha
poi pubblicato, con vari editori, guide e saggi
sulla montagna. Ha pubblicato racconti e
narrativa legata alla “mitologia della Montagna” e
poi, nel 2008 ha esordito come scrittore di libri
gialli-noir per la Fratelli Frilli Editori. Con “La
donna con la pistola” siamo giunti alla sesta
indagine di Mauro Bignami.

Il venditore di auto usate di Lionello Capra Quarelli (Golem Edizioni)

Trama
In una sera di vento e di pioggia, un passante
scopre in un’automobile il cadavere di Matteo
Laganà, un pregiudicato che gestiva un
piccolo autosalone e praticava il pugilato, ma
arrotondava i magri introiti prestando soldi a
usura e minacciando i creditori.
Frequentava una donna dal passato doloroso.
ingenua, in difficoltà economiche e a lui
completamente assoggettata.
Quest’ultima s’incontrava spesso con
un’amica in un appartamento, dove
avvenivano cose che dovevano rimanere
segrete, e che si trovava a pochi metri dalla
scena del delitto.
La donna, indagata per favoreggiamento, per
paura che il suo segreto sia rivelato, per la
prima volta nella sua vita farà una scelta.
Mentre il commissario De Nicola vive un
periodo particolarmente felice e il PM Enrica
Risso attraversa una crisi personale, si
scoprirà che l’assassino aveva un movente del
tutto diverso da quello a cui gli investigatori
pensavano.


Autore
vive a Torino, dove è nato nel 1957 in una
famiglia intellettuale.
Ha sempre lavorato nella grande industria ma si
occupa anche di teatro. Ha scoperto tardi il
gusto di scrivere, concentrandosi sul genere
poliziesco e creando il personaggio del
commissario De Nicola.
Ha pubblicato L’uomo in nero e altre storie e La
ragazza ingenua, il tipografo e altre storie con
Robin Editore e L’appartamento del primo piano
e altre storie, Un martedì di pioggia e Il delitto
della casa dei Draghi con Golem Edizioni.


Casa Editrice
Golem Edizioni è una casa editrice di Torino.
Fondata nel 2016 da Giancarlo Caselli, grazie alla
sua dedizione e passione, raggruppa autori,
autrici e libri di vari generi, con predilezione per
i saggi, i thriller e i gialli. I libri del catalogo sono
presenti in tutte le librerie e negli store online.