I Fannulloni di Marco Lodoli (Einaudi Scuola)

Nati dall’invito rivolto all’autore di scrivere un racconto sul denaro, I fannulloni narrano, con gioiosa leggerezza, la storia di un incontro tra due culture, due anime, due modi di intraprendere la vita e il mondo, due personaggi infine: Lorenzo Marchese, venditore di pietre e tipografo, vedovo inconsolabile, povero ma gran signore, e Gabén, falsario – un africano, simpatico imbroglione, allegro immigrato (da un paese che non c’è).Se Lorenzo è il simbolo di un Occidente rassegnato e malinconico, Gabén porta nel deserto dei valori e delle motivazioni una nuova primavera.
Scrive Lodoli nella premessa: “Gabèn è la parte ottimista di ogni di noi (…) è la voce che ci dice: perché no? Perché non tentare? Perché gettare la spugna senza aver nemmeno provato? Perché ripetere, stancamente, che la vita è un pianto, un’assurdità, un nulla doloroso e insensato, quando invece sappiamo benissimo quant’è bello partecipare con tutte le nostre energie ai progetti migliori (…)?”

Recensione: 

Oggi voglio parlarvi del libro: “I Fannulloni” di Marco Lodoli. Ho letto e analizzato questo libro al liceo, circa 15 anni fa, a dir la verità non mi aveva entusiasmato, anzi lo avevo trovato piuttosto noioso, poi quest’anno ho deciso di riprenderlo in mano. L’ho letto con un’altra esperienza sia letteraria sia culturale e devo ammettere che l’ho apprezzato profondamente.

Il libro racconta la storia di un incontro tra due culture, due anime, due modi di intraprendere la vita e il mondo, due personaggi infine: Lorenzo Marchese, venditore di pietre e tipografo, vedovo inconsolabile, povero ma gran signore, e Gabén, falsario – un africano, simpatico imbroglione, allegro immigrato (da un paese che non c’è). Se Lorenzo è il simbolo di un Occidente rassegnato e malinconico, Gabén porta nel deserto dei valori e delle motivazioni una nuova primavera.

È un libro profondo e ricco di emozioni. Scritto anni fa, tuttavia molto attuale per i suoi contenuti profondi e approfondi di una società spesso spezzata in due da pregiudizi. Un breve racconto, scorrevole e a tratti anche ironico. Lo consiglio!

PUNTEGGIO 5/5

MARCO LODOLI 

(immagina presa QUI )

Marco Lodoli è nato a Roma nel 1956, e a Roma ha quasi sempre vissuto. 

Insegna in un istituto professionale per chimici, accompagnatori turistici e figuriniste. 

Tiene una rubrica di cinema su “Diario” e una di “bellezze romane” sulla pagina regionale de “La Repubblica”.

Ha scritto le seguenti opere di narrativa: 

– Diario di un millennio che fugge.

– Snack Bar Budapest

-Grande Raccordo 

-I fannulloni

– Crampi

– Grande Circo Invalido 

– I principianti 

– Calendarietto

– Cani e Lupi

– Boccacce

– Il vento

– I fiori 

– Un uomo innocuo 

-Ponte Milvio 

-Fuori dal cinema

Editore ‏ : ‎ Einaudi Scuola (26 aprile 2001)
Lingua ‏ : ‎ Italiano
Copertina flessibile ‏ : ‎ 128 pagine
ISBN-10 ‏ : ‎ 8828605251
ISBN-13 ‏ : ‎ 978-8828605256
Peso articolo ‏ : ‎ 70 g
Posizione nella classifica Bestseller di Amazon: n. 76,117 in Libri (Visualizza i Top 100 nella categoria Libri)n. 16,558 in Testi di formazione e consultazione per ragazzi
n. 17,447 in Testi di formazione e consultazione per bambini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...